“Cessione del quinto”: in forte aumento le richieste

Se ottenere un prestito, è diventata un’impresa quasi impossibile, per gli italiani, l’unica soluzione si chiama ” Cessione del Quinto” cioè la riduzione volontaria dello stipendio o pensione (circa il 20%), a fronte di una liquidità da rimborsare ratealmente.

Una vera e propria forma di prestito, ma con una caratteristica non comune a tutti i lavoratori: per richiedere un finanziamento con la formula cqs, bisogna essere dipendenti (pubblici o privati) o pensionati, prerogativa imprescindibile, per garantire il rimborso della somma erogata.

Ad oggi altre regole del mercato finanziario garantiscono l’accesso al credito tramite tale prodotto anche a dipendenti di grandi aziende private e small business.

In taluni casi anche i lavoratori a tempo determinato possono accedere al finanziamento, purché la durata del prestito non superi quella del contratto, mentre i pensionati non devono superare il novantesimo anno di età per il rimborso, la durata minima è di 24 mesi, fino a un massimo di 120 (10 anni).

Prendendo in esame alcuni dati forniti da prestiti.it in sinergia con facile.it, le domande di cessione del quinto su un campione di oltre 2000 casi, nell’ultimo semestre sono aumentate del 5%, rispetto a quello precedente, attestandosi al 40% dei finanziamenti richiesti.

I dati dei due broker on line, sono confermati dal responsabile Business di Unit Prestiti Lorenzo Bacca, secondo cui: «L’estensione anche ai dipendenti privati e ai pensionati di cedere fino a un quinto del proprio reddito mensile per ottenere liquidità, ha reso questo strumento molto diffuso, scegliere autonomamente quale sarà l’importo della rata e sapere che rimarrà identico per l’intera durata del finanziamento sono vantaggi importanti, specie per chi non ha una rendita elevate e deve fare i conti con molte spese».

Sempre secondo Bacca, i dipendenti pubblici e statali, sottoscrittori del prestito rappresentano solo il 23%, mentre il 58% sono privati e oltre il 14% sono pensionati, per buona parte di sesso maschile.

La cessione del quinto, oltre a essere un finanziamento peculiare, diventa di facile accesso anche per chi in passato ha subito protesti o si trova in una situazione creditizia macchiata da qualche colpa, essendo obbligatoriamente garantita da una copertura assicurativa, ma non solo.

Per sottoscrivere una cessione del quinto, bisogna coinvolgere l’azienda in cui si lavora, e riconoscere la solvibilità della stessa, in modo da erogare il prestito, bloccare il tfr a garanzia del finanziamento in caso d’inadempienza, e sottoscrivere una polizza vita in modo che garantisca il rimborso in caso di decesso, infortunio o licenziamento.

Analizzando i dati, si evince che le maggiori richieste sono concentrate nelle regioni del sud, Puglia (24.000 euro), Sicilia (22.000) e Calabria (21.900), detenendo il primato, soprattutto per la situazione di crisi cui versa il mezzogiorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi